S.S. 9 Tangenziale Nord di Reggio Emilia

Settore
,
Ente Committente
ANAS S.p.A.
Luogo di esecuzione
Reggio Emilia
Importo
123.382.568,16 €€
S.S. 9 Tangenziale Nord di Reggio Emilia

L’intervento di “Prolungamento della Tangenziale Nord di Reggio Emilia tra S. Prospero Strinati e Corte Tegge” riguarda la realizzazione della chiusura, in direzione Ovest, dell’anello tangenziale della città di Reggio Emilia e consentirà di alleggerire i flussi veicolari nel corrispondente tratto urbano della “Via Emilia”, scaricandolo dal traffico di attraversamento e garantendo maggiori livelli di sicurezza e vivibilità; il completamento della Tangenziale nord, inoltre, consentirà di rendere più efficienti i collegamenti dell’area urbana di Reggio Emilia con l’esterno, in particolare quelli verso le zone residenziali poste a sud e a nord del territorio comunale.

Il tracciato si sviluppa principalmente in affiancamento al tracciato ferroviario Milano Bologna, per limitare l’impatto ambientale sul territorio ed occupazione di nuove aree rispetto a quelle già di competenza della ferrovia.

L’asse principale presenta un’estensione di circa 6,4 km, a cui si aggiungono oltre 8 Km di viabilità secondaria, rampe, rotatorie.

Il primo tratto si sviluppa dall’innesto con la tangenziale esistente fino a Pieve Modolena: Lunghezza complessiva pari a 4 km, sezione stradale di tipo B con piattaforma pari a 22,00 m suddivisa in due carreggiate con due corsie di 3,75 m per senso di marcia separate da un margine interno da 2,50 m.

Un secondo tratto dallo svincolo di Pieve Modolena alla via Emilia storica in località Corte Tegge di lunghezza complessiva pari a 2,4 km con caratteristiche geometriche di una strada extraurbana secondaria di categoria C con piattaforma pari a 10,50 m organizzata su due corsie di 3,75 m a doppio senso di marcia.

Lungo il suo sviluppo sono previsti tre svincoli che collegano la tangenziale alla viabilità locale:

  1. Svincolo Rete 2, in prossimità della via Normandia;
  2. Svincolo Modolena, in prossimità della nuova via Ferraroni;
  3. Svincolo Corte Tegge, con intersezione con la SS9 esistente.

Le opere d’arte principali previste sono:

  • Viadotti:
    1. Viadotto Torrente Crostolo – Lunghezza 262 m;
    2. Viadotto Via Ferraroni – Lunghezza 165 m;
    3. Viadotto Torrente Modolena – Lunghezza 32 m;
    4. Viadotto Torrente Quaresimo – Lunghezza 32 m.
  • Sottopassi:
    1. Sottovia Rete Due
    2. Sottovia Ferroviario Via Hiroshima, in allargamento sull’esistente via Hiroshima;
    3. Sottovia Ferroviario Pieve Modolena sulla nuova via Ferraroni;
    4. Sottovia Ferroviario Via Marx;
    5. Sottovia Ferrovia MI-BO, a Corte Tegge.
    6. Gli ultimi 4 sottopassi verranno realizzati con il sistema della spinta del monolite.

      Saranno inoltre realizzate 2,3 km di piste ciclabili e 2 km di ciclopedonali.

      È un’opera complessa che coinvolge diversi Enti e soggetti coinvolti ed in primo luogo le Ferrovie per le quali si devono realizzare n. 4 sottopassi ferroviari che non possono essere realizzati contemporaneamente in quanto queste coinvolgono le viabilità esistenti, interrompendo di fatto i collegamenti Nord-Sud della città e soprattutto sono vincolati ai rallentamenti ferroviari imposti da RFI per l’esecuzione delle opere.

      Inoltre, il progetto prevede, per garantire la mitigazione degli impatti ed il corretto inserimento ambientale dell’opera nel territorio, l’inserimento di barriere acustiche di altezza variabile tra i 2 e i 5 m per una lunghezza di circa 4550 m ed opere in verde con l’impianto di nuovi arbusti.

       

Altri progetti di Costruzioni

Torna a Costruzioni
Torna a tutti i progetti
Contattaci